Libers… di scugnî lâ”, in programma per domenica 10 maggio alle ore 20.45 al Palazeje di Tolmezzo, è l’evento di apertura delle due iniziative gemellate “I colori del vento” e “Aspettando CjargnAlive”, l’una promossa a Gemona dal Coordinamento delle Associazioni, l’altra a Tolmezzo dalla Rete CjargnAlive. “Quando la comunità accoglie” è il fil rouge che lega le due iniziative, a testimonianza dell’avviato dialogo tra i territori del Gemonese e della Carnia. La serata prevede letture teatrali, musica e proiezioni sul tema dei migranti di ieri e di oggi.
“Aspettando Cjargnalive” e “CjargnAlive” sono eventi promossi da EcoNoise Onlus. L’associazione, nata nel 2013 dal gruppo informale “Volontariamente”, costituitosi nel 2008 mediante un progetto promosso dal Servizio sociale dei Comuni della Carnia, riunisce giovani d’età compresa tra i 17 e i 24 anni provenienti da vari comuni della Carnia e si propone di raggiungere, in un’ottica di cittadinanza attiva, molteplici obiettivi: l’aggregazione giovanile, la cooperazione, la sensibilizzazione riguardo a tematiche quali lo sfruttamento idrico o l’abuso alcolico tra i giovani.
Il termine EcoNoise rimanda da un lato alla dimensione “etica ed ecologica” delle principali iniziative promosse dall’organizzazione, dall’altro evoca le provocazioni spesso rivolte ai giovani, rimproverati di agire in modo poco consapevole e di sapersi divertire solamente attraverso l’assunzione di sostanze. CjargnAlive, così come gli altri eventi promossi da EcoNoise (CineFuorum, Vivilive, Animazioni), intende dimostrare che è invece possibile divertirsi ed essere creativi anche evitando “lo sballo”. EcoNoise è divenuta una delle azioni pilota del progetto europeo di prevenzione dell’abuso alcolico All4You, nell’ambito del quale ha preso vita la gestione di una “via analcolica” durante la Festa della Mela di Tolmezzo.
[Immagine: Un campo per profughi siriani nel villaggio di Ketermaya, a sud di Beirut, in Libano, il 9 gennaio 2015. Ali Hashisho, Reuters/Contrasto]