I profughi sono alle porte. E noi cosa facciamo?”. Attorno a questo interrogativo si svilupperà l’incontro promosso dalle Parrocchie della Forania di Gemona in collaborazione con il Coordinamento delle Associazioni Culturali e di Volontariato Sociale previsto per giovedì 28 gennaio alle ore 20.30 presso il Centro Parrocchiale Glemonensis a Gemona.
Numerosi gli interventi e le testimonianze che si avvicenderanno nel corso della serata. Si partirà con la proiezione della video-inchiestaGiovani e immigrazione: pareri e realtà a confronto” realizzata dai giovani redattori del blog “Fuori dal comune” e vincitrice del Premio Terzani Scuole 2015. Successivamente, per meglio comprendere il fenomeno dell’immigrazione, si volgerà lo sguardo al passato con un intervento sul tema “Le migrazioni di popoli nella storia: ricchezza e non tragedia” a cura di Angelo Floramo, storico medievista, saggista e docente di materie letterarie presso l’ISIS “Magrini Marchetti” di Gemona. Seguirà la testimonianza “La rotta balcanica: un giovane gemonese tra i profughi”, a cura di Giovanni Vale, giornalista freelance che dal 2011 collabora con testate giornalistiche locali e internazionali, con siti internet ed emittenti radiofoniche e dal 2014 è corrispondente da Zagabria per l’organizzazione “Osservatorio Balcani e Caucaso”. Interverrà in seguito Paolo Zenarolla, Vicedirettore della Caritas Diocesana di Udine, sul tema “Come e dove accogliere i profughi oggi in Friuli”, facendo luce sull’attuale situazione in regione. La serata si concluderà con un intervento dal titolo “Testimonianza di una comunità cristiana accogliente: Socchieve”.
Aperto a tutta la popolazione, l’incontro è nato a seguito di una riflessione avviata nel mese di novembre 2015 dalla Caritas della Parrocchia di Santa Maria Assunta di Gemona ed estesa a numerose organizzazioni impegnate nel campo della solidarietà e dell’accoglienza (Associazione San Martino di Artegna, AVULSS, Banco alimentare di Gemona, Osoppo e Trasaghis, Centro Aiuto alla Vita, Centro di ascolto, Gruppo Missionario e Pastorale Giovanile della Parrocchia di Santa Maria Assunta, Coordinamento delle Associazioni, Emporio “Di man in man”, Frati Minori di Sant’Antonio, Parrocchie di Bordano, Campo Lessi e Ospedaletto, Comunità Padri Stimmatini, Suore Francescane Missionarie del Sacro Cuore e Gruppo di Volontariato San Vincenzo). Intento del tavolo, che tuttora prosegue il proprio lavoro, è contribuire a rendere le comunità del territorio più aperte e accoglienti, sensibilizzando i cittadini e dando impulso ad azioni concrete.